Rinneghi se stesso

Finché la croce resta un oggetto sul quale fissiamo lo sguardo e non il simbolo di un percorso di crescita spirituale, non comprenderemo mai le parole di Gesù.
Rinnegare se stessi e prendere la croce equivale ad iniziare un processo di trasformazione che riguarda il nostro attaccamento alla vita. Rinnegare se stessi non significa voler morire, ma vivere senza riempire la vita unicamente di se stessi.
Ogni cosa che vuole vivere è ricettiva, ricorda Meister Eckart, ma “ogni cosa che vuole essere ricettiva deve anche essere vuota”.


Facciamo fatica a svuotare noi stessi perché non si tratta di liberarci di questa o quella cosa. Non sono le cose che ci riempiono.
Se ci svuotassimo di tutto ma non dell’orgoglio di averlo fatto… se ci liberassimo di tutto ma non dell’attaccamento alle nostre idee, non ci sarebbe ancora spazio per incontrare Dio.
Prendiamo la nostra croce e iniziamo a lasciare andare.
A lasciare che il dolore sia dolore, il mistero sia mistero, l’incontro sia incontro.
Rinnegare se stessi, può diventare la più eloquente affermazione di ciò che siamo veramente: benedetti, amati da Dio e parte della sua Vita.

Clicca qui per leggere l'intero brano di Vangelo >> 

 

 

 

 

Scegli il tuo banner e inseriscilo sul
tuo sito: diffondi Un attimo di Pace

banner 300x250px

scarica-app
ios-app
google-app


 

udp-widget


 

dillo-ai-tuoi-amici